Èlt che l’apéricèna

Booking.com
Ricerca aziende, ristoranti, professioni e spiagge in Romagna

Sgänd mè l’apéricèna,
la fà una bèla séna,
un gne pròpi gnint da dì,
tóta roba ch’la fà inluvì.

Al tartini, un scról ad pléc,
e’ riš ch’us magna si batèc,
e’ cous cous, e’ pès crud,
al fritèli s’ jòmne nud.

E’ cavièl, e’ salmòun,
agl’jòstrichi se limòun,
i gambarun, e’ becalà,
tóta ròba ad qualità

Mè a sò pjó a la mèna,
an sò per l’apericèna,
ch’l’à pòca sustènza,
e u n’ impnès la pènza.

L’apèritiv l’è un vizièt,
che mè an mi permèt,
us cminza s’un gin fizz,
e us fnès sa dó tré spritz.

Ròba ch’la imbrièga,
e l’arvèina la magnèda,
dòp ad tótt chi bivarun,
un magna pjó nisun.

Mo quèsta l’è la mòda,
e i zóvni las chi gòda,
lór i n’à nisun prubléma
ch’i se tènga l’apèricèna.

Mè an faz tènt cumplimèint,
a vòj qualcosa ad cunsistèint,
a vag a pièda e parsót,
a bév e’ vèin e faz dó rót.

L’e una zèina béin fata,
e an faz gnènca la gata,
a ne sò cum ch’las cèma,
mo èltre che l’apricèna.

Altro che l’apericena

Secondo me l’apericena,
è una cosa che fa scena,
non c’è proprio niente da dire,
tutta roba che fa ingolosire.

L’è tartine, un sacco di cosine,
il riso che si mangia coi bastoncini,
il cous cous, il pesce crudo,
le frittelle con gli uomini nudi.

Il caviale, il salmone,
le ostriche col limone,
i gamberoni, il baccalà,
tutta roba dinqualità.
Io sono più alla mano,
non sono per l’apericena,
che ha poca sostanza,
e non riempie la pancia.

L’aperitivo é un vizietto,
che io non me lo permetto,
si comincia con un gin fizz,
e si finisce con due tre spritz.

Roba che ubriaca,
e rovina la mangiata,
dopo tutti quei beveroni,
non mangia più nessuno.

Ma questa è la moda,
e i giovani lascia che godano,
loro non hanno nessun problema,
che se lo tengano l’apericena.

Io non faccio tanti complimenti,
voglio qualcosa di consistente,
vado a piada e prosciutto,
bevo il vino e faccio due rotti.

È una cena ben fatta,
e non faccio neanche la sbornia,
non lo so come si chiama,
ma altro che l’apericena.

Poesia appartenente alla rubrica

La cušèina rimnéša in dialèt e in poèšiaa cura di Ivano Aurelio Muratori, poeta dialettale riminese.

 

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti:

Dialetto e tradizioni

Lundé quìng Sètèmbre

Lundé quìng Sètèmbre. (Lunedì 15 Settembre.) ———- Chi sa fé e fa… Chi sa fé qualcosa l’insegna. Chi un sa fé gnint l’aminestra. (Chi sa

LEGGI TUTTO »
Notizie ed Eventi in Romagna

La “Fira de Bagoin”

Uno dei detti popolari più famosi è ” del maiale non si butta via niente”, neanche il sangue! Per i buongustai della carne c’è un

LEGGI TUTTO »
Torna su
Ghinelli tende