La gara di caplét

Booking.com
Ricerca aziende, ristoranti, professioni e spiagge in Romagna

Sèimpre bèl e’ Nadèl,
ènca sla butèva mèl,
ènca quand per i purétt
u jéra sna i caplét.

Mo la géva la mi ma’,
us fà sa quèl ch’u s’à,
ringraziand e’ Signuréin,
i caplét jéra un straséin.

Us magnèva tla cušèina,
a sérmie una vintèina,
fra ba’, ma’, nòn, zi, cušèin,
un po’ strét, mo a stémie béin.

E tót quant a sérmie iscrèt,
ma la gara di caplét,
per fè chi un magnèva ad pjó,
ringraziand e’ bòn Gišó.

I piat ui impiniva e’ nòn,
sa vintidó caplèt pròn,
la nòna lai cuntèva,
e quii ad pjó lai cavèva.

A mastighémie a la granda,
e i caplèt a tóta randa,
tla bäca jandéva só,m
sè cucèr a dó per dó.

Mè a fèva t un lèmp,
e per bat ma tót se tèimp,
an stéva ilé a biasè,
ai mandèva zó isé.

Dògnitènt ma qualchedun,
ui ne capitéva un,
pin ad spòja e impivarèd,
un pcòun invlinèd.

Us ciamèva e’ caplèt mat,
un schèrz ch’l’éra fat,
per fè rid grand e burdèll
e stè aligri per Nadèl.

E’ sfurtunèd ch’ul pischéva,
série e zét e u se magnèva,
ch’jèlt d’spuntun te piat,
i ridèva cum i mat.

I pjó dèbul in gne la fèva,
e drèinta e’ piat il spudèva,
la nòna, lai gév alóra,
da la gàra tè t ci fóra!

U s’andèva òlta isé,
si piat pin e da svuitè,
a pgnata tóta svida,
us ciudèva la partida.

La nòna sè còunt ešat,
di caplét e d’ tótt i piat,
la pruclamèva e’ vinzitòr,
sa tótt ch’jèlt a fèj unòr.
Per prémie me campiòun,
una stèca ad turòun,
ch’as ciucèmie tót insèn,
dop ch’avèmie magnè bèin.

Us cantèva, us ridéva,
us guardèva ma la néva,
tót cuntèint de Nadèl,
tènimòdi sèimpre bèl.

La gara dei cappelletti

Sempre bello il Natale,
anche se buttava male,
anche quando per i poveri,
c’erano solo i cappelletti.

Ma diceva mia mamma,
si fa con quello che si ha,
ringraziando il Signore,
i cappelletti erano tanti.

Us magnèva tla cušèina,
eravamo una ventina,
fra babbo, mamma, nonni, zii, cugini,
un po’ stretti ma stavamo bene.

Tutti quanti eravamo iscritti,
alla gara dei cappelletti,
per fare a chi ne mangiava di più,
ringraziando il buon Gesù.

I piatti li riempiva il nonno,
con ventidue cappelletti per uno,
la nonna li contava,
e quelli in più li toglieva.

Masticavano alla grande,
i cappelletti a tutta randa,
nella bocca andavano su,
nel cucchiaio a due per due.

Io facevo in un lampo,
e per battere tutti sul tempo,
non stavo lì a masticare,
li mandavo giù così.

Ogni tanto a qualcuno,
ne capitava uno,
pieno di sfoglia e impepato,
un boccone avvelenato.

Si chiamava il cappelletto matto,
uno scherzo che era fatto,
per far ridere grandi e bambini,
e stare allegri per Natale.

Lo sfortunato che lo pescava,
serio e zitto se lo mangiava,
quegl’jaltri chini sul piatto,
ridevano come i matti

I più deboli non ce la facevano,
e dentro al piatto lo sputavano,
e la nonna gli diceva allora,
tu dalla gara sei fuori.

Si andava avanti così,
col piatto pieno da vuotare,
a pentola tutta vuota,
si chiudeva la partita.

La nonna col conto esatto,
dei cappelletti e di tutti i piatti,
proclamava il vincitore,
e tutti gli altri a rendergli onore.

Per premio al campione,
una stecca di torrone,
che ciucciavamo tutti assieme,
dopo che avevamo mangiato bene.

Si cantava, si rideva,
si guardava alla neve,
tutti contenti del Natale,
in ogni caso sempre bello.

 

Poesia appartenente alla rubrica

La cušèina rimnéša in dialèt e in poèšia, a cura di Ivano Aurelio Muratori, poeta dialettale riminese.

 

 

 

 

 

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti:

Torna su
Hotel 2000 Rimini