Sabèt quìng Nuvèmbre

Booking.com
Ricerca aziende, ristoranti, professioni e spiagge in Romagna

Sabèt quìng Nuvèmbre
(Sabato 15Novembre)
———-
J’azidéint j’è cumè al fòi,quèl ch’ui manda ui arcói.
(Gli accidenti sono come le foglie,chi li manda li raccoglie.)
———–
Per andè avènti e fa tót i strèpit.
(Per andare avanti fa ogni sforzo.)
———-
E durmi a slà finèstra vèrta e ui ha dè ad bèc e cóc!.
(Dormiva con la finestra aperta e lo ha beccato il cuculo!.Si riteneva che chi veniva”beccato”restasse deficiente.)
———-
La vècia cl’an vlèva balè,a la fèin,l’an ha vlú andè gnènca a pisè!.
(La vecchia che non voleva ballare,alla fine,non ha voluto andare nemmeno a pisciare!.Per non smettere di ballare se l’è fatta addosso!.)
———-
Quand che us fà nóta e us uscura i cantún i và a càza tót i mascalzún!.
(Quando si fa notte e si oscurano gli angoli,vanno a caccia tutti i mascalzoni!.
———-
L’è màt cumè un banchèt!.
(È matto come un banchetto.Avevano poca stabilità perchè erano fatti con solo tre gambe,il mungitore ne usava uno con una sola gamba appuntita in fondo!.)
———-
Ad pèl ros un è bón gnènca i vidèl!.
(Con il pelo rosso non sono buoni nemmeno i vitelli!.)
———-
Dòna bafúda sèmpra piasúda!.
(Donna baffuta sempre piaciuta!.)
———–
Bòn fèin ad stmèna ma tót!.
(Buon fine settimana a tutti!.)
———-

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti:

Torna su
Pesaresi Gelateria