Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Marco Eletto: Facciamo un bell’elenco in dialetto, con traduzione possibilmente, dei vari detti Romagnoli?

PA Bell Bell:

  • azdoura (manager nella famiglia contadina)
  • l’è piò fezil che è baghin è vaga sò ma la cucagna (è più facile che il maiale riesca a salire il palo ingrassato della cuccagna)
  • a sò andè sora na’arvura s’una tira ad pen e na zemna ad fusaja (sono andato sopra una quercia con un pane e una doppia manciata di lupini)

Sonia Ugolini: Zet sora e zug (zitti sopra il gioco, cioè quando si gioca)

Cristian Lo Sceicco Podeschi:

  • T’è na testa c’un la màgna gnènca e gat! (Hai una testa che non la mangia neanche il gatto!)
  • Me a la tù età a magnèva e fug e a caghèva la zèndra! (Io alla tua età mangiavo il fuoco e cagavo la cenere!)

Daniela Parma: T’vo’ che un nespul e faza i figh? (Vuoi che un nespolo faccia i fichi?)

Zia Chicca: Te voja ad zoca zala… (hai voglia di zucca gialla… hai voglia di storie)

Milena Ubaldi: Un s’armidia un stec… (Non si rimedia niente)

Stefano Furfante: “La vá per tè… che t’an capès un caz!” (Sei molto fortunato a non comprendere nulla di quello che dici o succede)

Omero Urbinati: Ci una fata fig… (sei un furbone)

Franca Ciccioni: E fa tent e sburon che e fa creda che l’ampela al viti si salem e ul lega sal salsicci… (Essere grosso d’avere il benessere da buttare)

La Mari: “boia tè e chi t’ ha alghe’ è blig” (Mannaggia te e chi ti ha legato l’ombelico. Lo diceva sempre mia nonna quando la facevamo arrabbiare… Poveretta…)

Mara Servedio: Lanzano La pida se porsot le pis un po ma tot (La piada col prosciutto piace un po a tutti). La mia bimba di 4 anni lo dice sempre

PA Bell Bell: Me a la tù età a magnèva è fom mal peppi (io alla tua età mangiavo, nel senso di sfruttarlo, il fumo alle pipe da quanto ero sveglio)

Cinzia Lisi: Fret l’è bon anche na’ spuntadu’ ra ad zet (fritto è buona anche una potatura di ramo)

PA Bell Bell: E tel l’à caghè sota la niva (il tale ha defecato intanto che nevicava, nel senso che la malefatta col tempo al disgelo si è scoperta…)

Valeria Galli: D’int un sumàr in’à mai cavè un cavàl (da un asino non è mai uscito un cavallo)

Daniela Rossi: Da n’arvura avem ardot un froz (da una quercia abbiamo rimediato un ramoscello, detto delle vecchie sarte quando avevano un pezzo di stoffa grande e sbagliando a tagliare si ritrovavano con un pezzetto che bastava appena)

Gianni Bianchi Quand: la bérba la mét só e griséin, lása la dóna e táca se véin. (Quando la barba mette su il grigino, lascia la donna è attaccati al vino)

Sabrina Driadi: L ha na testa che un la magna gnenca un chen! (Ha una testa che non la mangia nemmeno un cane!)

Valeria Galli: Us stèva mej quand cùs stèva pèz (si stava meglio quando si stava peggio)

Tommy Rastelli: Da un brick in’à mai cavè un cavàl,ma la murtedela l’e’ bona! (Da un asina non si è mai fatto un cavallo, ma la mortadella è buona! Tradotto ci si adatta e non si butta via niente!)

Fiorella Parmeggiani: Me se avess la tu età admandeva se Remin le’ da vend… (mia nonna quando mi lamentavo… Se avessi la tua età chiederei se Rimini è da vendere)

Marcella Battolla: El dutor Bunega che cure’ e bus de cul per una piega (il dottor Bunega che ha scambiato l’ano per una piaga)

Andrea Tiraferri:

  • Ale burdel (dai ragazzi! Urlato dai tifosi del Rimini)
  • L am per ad cnosc (mi pare di conoscerla)
  • At te deg te (lo dico)

Susanna Nanni: Me, a la tu età, a salteva i fos par long (Io, alla tua età, saltavo i fossi in lunghezza. Per dire che riuscivamo a fare l’impossibile.)

Andrea Tiraferri:

  • Tan la smet? (Non la smetti?)
  • Mo se cuie? (Ma cosa c’è?)

Daniela Parma: U’n gnì pò fè piò gnint, gnenca Vincini… (è spacciato, non gli può far più niente neanche Vincini)

Andrea Tiraferri:

  • Ad giva me (lo dicevo io)
  • Mo smettla (ma smettila)

PA Bell Bell: se it scorr drì mal spale scurezza! (Se ti parlano dietro le spalle scorreggia!)

Andrea Tiraferri: Le bon il pan sla moliga (è buono il pane con la mollica)

Ti Ziana:

  • Però noi di Rimini centro diciamo così: Cus cuie’ (Cosa c’è?) A me geva me (Me lo dicevo) La pieda se parsot la pies un po’ ma tot (La piada col prosciutto piace un po’ a tutti)
  • At corr dre’ fin a Sammarein (Ti corro dietro fino a S.Marino. Avvertimento in procinto di combinare qualcosa!)

Luigi Giorgetti: tam per e fiol de pori sugamen (mi sembri il figlio del povero asciugamano) ma cosa vuol dire?

Ti Ziana: Le’ fadiga magne’ e pen senza muliga (è fatica mangiare il pane senza mollica)

Rita La Zanzara Gaviani: Ad chi t’ci la fióla te? (Di chi sei figlia?)

Ti Ziana:

  • L’ervenz com un pataca (è rimasto come un “pataca”)
  • Metse al scherpi dla punta (Mettersi le scarpe dalla punta. Fare sul serio)

Angela Gaviani: Quel l’ha pise ‘te Batoismi (quello ha fatto pipì durante il Battesimo)

Stefano Furfante: “Te… ci tòt da rfè!” (sei una persona che andrebbe rifatta totalmente)

Stefano Ceccarini: Sta attenti fin che la Streda la è sotta (Stai attento finché la strada è asciutta)

Rita La Zanzara Gaviani: T’an ci fe gnénca da fe una O s’un bicír (non sai fare nemmeno una O con un bicchiere = sei un incapace)

Anna Maria Zanotti: Boia di burdel e cla putena c’nan fa un (accidenti ai figli e a quella prostituta che ne fa uno solo)

Andrea Tiraferri:

  • Duv ci stet? Allo stadio e se cla fet il rimini? (Dove sei stato? Allo stadio e cosa ha fatto il Rimini)
  • Ci un patacca (sei un patacca)

Francesco Bianchi: T’è una testa come un do’ ad coppi (hai una testa come il 2 di coppe. Nella briscola non vale niente)

Carla Nicoletti:

  • Nu pessa fora dlurinel. (Non parlare fuori luogo.)
  • E’ arived magg e la purte’ la spiga, Dio del ciel fa che la sia ben garnita… (a Maggio matura il grano, Dio fa che sia bello piena di chicchi.)
  • Mu me un pis la cherna d odla. (A me piace la carne di allodola)

Sara Montevecchi: Mu me invici um pis la pida se parsot che la pis un po’ ma tot, ma la è bona enca si foig (alla Sanvitese. A me piace la piada col prosciutto che piace un po’ a tutti ma è buona anche coi fichi!)

MGrazia Semprini: Ta ne mai basta (non sei mai contenta)

Stefano Furfante: ‘st ‘altr an l’è pèz (il prossimo anno vivrai o vivremo vicissitudini fisiche o esistenziali molto più difficili eo complicate)

Rita La Zanzara Gaviani: Ènca e mi nòn sl’avéss al ròdi e sarébb un carétt! (Anche mio nonno se avesse le ruote sarebbe un carro: con i se e con i ma, non si va da nessuna parte!)

Paola Mussoni: Ma v’è… sle’… balosa… (Ma guarda che scemo)

Cinzia Bucci: At arvolt la faza dla clelta perta! (Ti giro la faccia dall’altra parte!) Sun sciafoun! (Con uno schiaffone)

Simona Iacovelli: Me a gni s’era… e pu’ enca se ai s’era ai durmiva… (Io non c’ero… e anche se c’ero dormivo… tipica frase di chi non vuole saperne niente)

Cristina Bizzocchi: Tan ci bon ne da zcor ne da ste zet! Non sei capace né di parlare né di stare zitto!

Simona Iacovelli: L’è come la Cassandra… tot i la vo… nessun i la d’manda… (è come la Cassandra… tutti la vogliono ma nessuno la chiede!)

Francesco Bianchi: Mo lassa andè dai (lascia perdere, soprassiedi)

Cristina Bizzocchi: A lave’ la testa me sumar u sarmet e temp e savon! (A lavare la testa al somaro ci si rimette tempo e sapone)

Stefano Ceccarini:

  • taia taia lè sempra curt (taglia taglia è sempre corto)
  • te na testa come na mazola (hai una testa come una mazzola: pesce dalla testa grossa)

Daniela Arlotti: Us dis dal volti (ma pensa te…)

PA Bell Bell: tè un cul cumè l’or ad nota (hai un culo come l’oro di notte… forse inteso sei tanto fortunato che riesci a trovare l’oro di notte)

Mara Maggioli:

  • Chi Ta fat scarana o banchet? (Chi ti ha fatto la sedia o la panca?)
  • Te voia ad puschetti? (Hai voglia di storie?)

Anna Maria Zanotti: l’urinel ad nota (cioè il vaso da notte)

Paola Mussoni: Adess sa vut l’e’ la sposa nova! (Riguardo ad uno oggetto appena acquistato e… quindi “curato”come una ragazza sposata da poco!)

Maurizio Orsi Tat ci sagate’? (ti sei stancato?)

Andrea Tiraferri:

  • Duv clan dem sa una difesa isce. (Dove andiamo con una difesa cosi)
  • In zir par la Rumagna (in giro per la Romagna)

PA Bell Bell: la dona senza al tetti la è cum’è i calzun senza sacocie… tan sè mai duvè mett al meni (la donna senza il seno è come i calzoni senza tasche… non sai mai dove mettere le mani)

Mulazzani Paolo:

  • Tan la vo la paia te cul! (Non accettare una verità scomoda… lo diceva sempre mia suocera, da Imelde)
  • Tan si miga e fiol ad Paloni! (Quando si chiedeva troppo… da Imelde)

Stefano Word Serio: Chi cus scota sl’ acqua cla sbionta us arguerda anche dla jaza. (Chi si scotta con l’acqua bollente, poi teme anche quella ghiacciata)

Cristina Bizzocchi: e potrebbe mancare… te voi ad zocca zala? (Hai voglia di problemi?)

Mulazzani Paolo: La è rizza tla coppa! (Quando un bambino e capriccioso da Imelde)

Carla Nicoletti: L’e’come met iurcin ma la scrovva… (è come mettere gli orecchini alla scrofa)

Luca Mandolesi: L’è com arè si chen… (è come arare con i cani)

Carla Nicoletti:

  • Ci propi un abdoc arfat (povero diventato ricco che l’ostenta)
  • Guerda quel, un per on che l’ha de un sciaf ma la pulenta (persona giallastra con viso lungo)

Luca Mandolesi: Tromba ad cul, salud ad corp… (Tromba di Culo, Salute del Corpo)

Stefano Word Serio: Dì… MA al scurezi i s’amucia? No? Alora am so caghed mados. (Le scorregge, si ammucchiano? No? Allora mi son cagato addosso)

Andrea Tiraferri:

  • Testa cla (che testa che ha)
  • L e arvenz un bisinin di furmaje? (è avanzato un pezzettino di formaggio?)
  • Te un bel curag (hai un bel corraggio)
  • Dug t ve isce ad prescia? (Dove vai cosi di fretta?)
  • Tan ci mai cunten? (Non sei mai contento)
  • L ha voint il Rimini? Si e chi l ha sgned (ha vinto il Rimini e chi ha segnato?)
  • l ha fet goal e me a lo mess in panchina sa fantacelc (ha fatto goal e l ho messo in panchina al fantacalcio)
  • Tan capesc un caz (non capisci niente)

Francesco Bianchi: Cum tal zir, l’é sempra compagn (come la rigiri è sempre uguale)

Andrea Tiraferri: Andem far un zil alla piazza dla pigna? (Andiamo a fare un giro alla piazza della pigna?)

Carla Nicoletti:

  • Cumper mi, di quel che ha deg mi… (amico di’ quello che dico io.)
  • Ti una lengua che la taia e la cus. (Donna chiacchierona)
  • taie una camisa che l’ha ia i francubol ad set nazion. (Camicia da notte poco pulita.)

Andrea Tiraferri:

  • Ma allora ci prprie invurnid (ma allora sei proprio invornito)
  • Ma allora ci imbrieg (ma allora sei ubriaco)

Stefano Furfante:

Incontro fugace tra due riminesi in bicicletta.

– oh ve’… allora?

– ah di’…

Segue cenno di saluto.

Carla Nicoletti: lui: a vag a cambie l’aqua ma gli ulive; lei: me, avag a cambie’ l’aqua ma la fusaia. (Impellente bisogno di fare pipì.)

Cinzia Bucci: Ci come e caval ad scaia… (ti fai sempre male!)

PA Bell Bell: tci grand e gros mo pataca fina l’os (sei grande e grosso ma invornito fino all’osso)

Mulazzani Paolo:

  • U ientra come e caz te pater… (quando una cosa non c’entra niente… ci sta come il caz.) (perdonate il linguaggio colorito )
  • Te quazunaia da vend… (quante spididaggini. Da Imelde… sempre dal vocabolario dei miei suoceri ne dicevano a pacchi da veri romagnoli)

Susanna Zamagna:

  • (Mia nonna quando mi facevo la riga in testa da sola da bambina per farmi i codini) l’am giva… l’è dretta cum la streda ad sammarein
  • Ci bela cum e cul dla padela (sei bella come il culo della padella)
  • Dat na mosa… (fai presto)
  • Tan ci bon… (quando uno non sa fare qualcosa)
  • Quant ci blin… (quanto sei carino)
  • Nani… (quando ci si rivolge a un bambino)
  • Ma ci nurmel? (Ce l’hai tutta?)

Francesca Celli: La pazinzia lajè cumè la bessa: lajà la cuda lessa… (La pazienza è come la biscia: ha la coda liscia)

Rita La Zanzara Gaviani:

Questo è uno scioglilingua:

Te chèt’tàc i tàc, t’am tacarèb un tàc?

Mé a t’ho da tachè i tàc ma té chet’ tàc i tàc?

Tà ti tàc da par te i tù tàc, te chet’ tàc i tàc!

(te che attacchi i tacchi, mi attaccheresti i tacchi?

Io devo attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi?

Te li attacchi te i tuoi tacchi, te che attacchi i tacchi!)

Francesca Celli:

Du cus magnuga,

che Dio mi conduca!

Du cus lavoura,

Can’arves mai ad oura!

(Dove si mangia,

Che Dio mi conduca!

Dove si lavora,

Che non arrivassi mai in tempo!)

Sara Montevecchi:

  • Coi cla al comodità e in sun sarves i mor da quaieun e pu i va enca a l’iferna (chi ha le comodità e non se ne serve muoiono da coglioni e poi vanno anche all’inferno)
  • Mei una zvola me caeld che un galet me fred (meglio una cipolla al caldo che un pollo al freddo)
  • La ia una lengua cla taia, la ceusa e la fa enca e giurnoin (ha una lingua che taglia, cuce e fa anche l’orlo a giorno)

Gaia Cecilia: Codecà Zenta nomineda l’è luntena na saseda… (gente nominata è lontana una sassata. Parli del diavolo e spuntano le corna.)

Sara Montevecchi:

  • Per San Lurenz una gran buleura ma andend il la poc la deura (per San Lorenzo un gran caldo ma dura pochi giorni)
  • T’ fe pio’ poza te cane’ la beusa de stabi (di una persona che puzza che non si lava)

PA Bell Bell:

  • ci simpatic cum’è un gat tached ma la borsa sal gl’onge (sei simpatico come un gatto attaccato allo scroto con le unghie )
  • Ma te bsognarea det na vanga ad gomma e fet vanghè te sfelt (a te bisognerebbe darti una vanga di gomma e farti vangare l’asfalto. Riferito a persona nullafacente)
  • intent ch’è sapa se unè fè ad vanghè… (la parola “sapa” può essere tradotta come sappia e come zappa quindi si intende “intanto che sappia se non è capace di vangare” come una velata minaccia… intanto ti faccio sapere che se non fai questo…)

Andrea Tiraferri: Tan ved che agni pass? (Non vedo che non ci passi)

Francesco Bianchi:

  • Va pien cut sciòpa e cor (vai piano altrimenti ti esplode il cuore)
  • Sec te, ê pivarunzein in te cul? (Cos’hai il peperoncino nel sedere che vai così forte?

Andrea Tiraferri: Mo sta bon (ma sta buono)

Milena Ubaldi: At mandria a vanghe sla vanga sla punta spunta… (ti manderei a vagare La terra con la vanga senza punta)

PA Bell Bell: quand che l’ost lè sla porta è vein lè fort (quando l’oste è fuori della porta dell’osteria il vino è cattivo, acetoso)

Carla Giolito: A vag sla funtena (vado a comprare il pesce, quando era ancora in funzione la vecchia pescheria di piazza Cavour)

Sara Montevecchi:

  • Oh cu m’è che ste? A stag cu m’è e pes te paier (sto poco bene)
  • Doi tan vure mega ande da Valeriani (non vorrai mica morire!”)
  • T’e una faza cu m’è e cheul (non ti vergogni niente)

PA Bell Bell: tè na testa cumè quel che è pessa (hai una testa come quella del pene)

Sara Montevecchi:

  • Ci mat cu m’è un banchet (sei fuori di testa)
  • Ci cume e dutaur Bunega che e cureva e bus de cheul per una piega (un medico che non vale niente, curava l’ano avendolo scambiato per una piaga)

Chiara Luisè (sempre scusandomi di non saper scrivere il dialetto) Oggi ho fatto il “delfino” (nei tempi grami significava aver saltato il pasto, non aver mangiato)

Carla Nicoletti: La na fat piu’lia che Carlen in Frenza. (Donna di facili costumi)

PA Bell Bell: tè na fortuna cumè un chen tlà cisa (hai una fortuna come un cane in chiesa… anni indietro tutti gli davano di calcio ad un cane in chiesa!)

Mulazzani Paolo: Sempre scusandomi per il linguaggio colorito… la caghe’ e pise’ te Batez… (persona molto sfortunata… da Imelde)

Carla Nicoletti: Te’la faza come e cul! (Hai la faccia come il sedere)

Sara Montevecchi:

  • Ci fort cume’ la soida (sei forte come l’aceto)
  • (Premetto che questa è una preghiera che viene fatta per tradizione la mattina del venerdì santo prima del sorgere del sole sul sagrato della chiesa di San Vito. Negli ultimi anni viene fatta anche da persone giovani per non far morire questa bella cosa.)

L ‘uraziaun de Vendri Sent.

La matoina de Vendri Sent la Madona la fa un gran pient, un gran pient sun gran dulaur per la Pasiaun de su Signaur.

Sui fos una createura cla ges st’uraziaun 33 volti a znoci neudi sla tera cunsacreda, la grezia che li lai dmanda lai sarà deda.

(orazione del Venerdi Santo: la mattina del venerdì santo la Madonna fa un gran pianto con un gran dolore per la morte del suo Signore Se ci fosse una creatura che direbbe questa orazione 33 volte a ginocchia nude sulla terra consacrata, la grazia che domanda le sarà data.)

Cinzia Bucci: Ci fort come l’aseda! (Sei forte come l’aceto!)

Carla Nicoletti: Ci propri una psiga sfonda, tan ten gnenca la pessa (quando una persona non sa tenere un segreto. La psiga è la vescica del maiale dove si metteva lo strutto per mantenere)

PA Bell Bell: Tan sè una piò che ne è dievul! (Ne sai una più del diavolo!)

Sara Montevecchi: Mio nonno diceva: tot i frot in vo l’acua, sno e foig e vo e voin (tutta la frutta non vuole l’acqua, solo il fico vuole il vino!)

Carla Nicoletti:

  • Aqua e ven,sida siden. (Vi ricordate quando si prendevano i bocciolini non aperti dei papaveri di campo e si cercava di indovinare, aprendoli i colori. Acqua, vino aceto e acetello?)
  • La gola la ia e bus stret, pero’la ingola la chesa e tet. (La gola è stretta ma può ingoiare casa e tetto. Cioè si guadagna con fatica e tempo ma si può delapidare un patrimonio in poco tempo)

Elisabetta Ciavatti:

  • Nu pe vulì savè… ma dut vè? (Non per sapere… ma dove vai? Detto di suocera)
  • Damne un che te nè mor du… (Dammene uno che te ne muoiono due. Quando una persona non è di aiuto per niente!)
  • Uniè neanca quel che ha pers la bretta! (Non c’è neanche quello che ha perso il berretto, non c’è proprio nessuno in giro)
  • Qualche sumar e mor! (Qualche somaro muore, quando si fa una cosa che non si fa mai o raramente!)

Laura Brioli: Questa è molto carina, la diceva la mia bisnonna: i baioc bsogna tnii quan chie’ perché quan chigne’ is ten da par se (i soldi vanno conservati quando si hanno perché quando non si hanno non serve tenerli)

Carla Nicoletti: Di….te vest…ui si e’rott la corda me sumar. (Quando una donna rimaneva gravida.)

Agnese Bianchi: Zcor quand’che’ pessa al galoini! (Parla quando fanno pipi le galline, in pratica “sta zitto!”)

Luiana Giovagnoli:

  • U ie’ una Luda in zir… (miseria, pochi soldi)
  • Quella la è come l’oca de pilucon cla è te guaz e la va a bev ma chesa (una persona ingenua)
  • Sun gne un sfrezz… (persona di poca sostanza che non emerge)

Elisabetta Ciavatti: la mi nona la giva quand i fiol non finivan mai di chiedere “A sii in pien come fuietta?” La fuietta era il quartino o il mezzo litro di vino che davano nelle Osterie che naturalmente doveva essere messo in piano sul tavolo

Lucia Grossi: Le dur e pen senza muliga (quando si voleva far capire le difficoltà)

Carla Giolito: persona numineda lè da long una sasseda (parli di una persona e subito la vedi, cioè è alla stessa distanza di un sasso lanciato)

Luciana Cenni: zcor de dievli e spunta al corni! (Parli del diavolo e spuntano le corna).

Ada Montanari: uss i zcorr sa rò perchè è capessa bùnì….parlare con uno perchè capisca l’altro…(in genere quando si rimbrotta)

Ti ziana: Nu fa é pataca! Ci propi un invurnid! (Non fare il patacca, sei proprio invornito)

Innocenza Bianchi:  La voipa la perd e pel ma no e vizie. (La volpe perde il pelo ma non il vizio)

Nadia Biagini: Va a scurze’ te remli 

Franco Carlini: Zcorr se caz cu t’arspond la corda! (Ricevere una risposta non pertinente).

Annamaria Pironi: Ta me’ bela che stuff ( mi hai più che stufato!)

Iside Casadei: Scor sa te l’è com scor se pepa

Antonella Balducci: Tam fe ‘vni la kerna plina… (mi fai venire la pelle d’oca)

Silvia Silvietta: Lè e gat gnurgnion che sversa la pniata! (è il gatto sonnachioso che poi rovescia la pentola, la persona che ti sembra più tranquilla poi è quella che ne combina di ogni)

 

 

 

Ti consigliamo


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • Aggiungi un commento
    Aggiungi Attività

    Ricerca le migliori attività Romagnole!

    hotel, pizzerie, ristoranti, negozi, professionisti, estetiste, palestre, aziende, bar, pub ...