CUNTANTEZA – CONTENTEZZA

Booking.com
Ricerca aziende, ristoranti, professioni e spiagge in Romagna

Questa mia poesia-racconto scritta nella mia unica lingua del cuore: il dialetto (con traduzione in italiano per i più bisognosi), è dedicata a chi si sente ancora bambino, e rivive come me, ogni tanto la sua gioiosa infanzia…
av salut ma tot Luciano Monti

“ CUNTANTEZA “
UNA BOZA AD LUNA STILA STILA E BIANCHECIA LAS DUNDULEVA SORA E CAMPANIL AD SAN ZVAN.TOT D’INTORNA UN VOL AD RUNDANEINI AL PAREVA ZUGHE’ SA CL’ONGIA D’ARZENT, CUNTENTI AL STRIDIVA TRA D’LOR CUME’ PER DIS CUME’ CL’ERA BEL STE MA STE MOND, E PO DOP A GL’ARVULTEVA A GL’ELI AT CHI SCAMBIET CIAPEND E CULOR DLA FULEZNA VERS E SOL AD MAZ E INGULEND CHI MUSEIN FET CUME’ UNA TELA SE TLER DAL NOSTI NONI, LIS MASEVA SPESA AL CHESI BASI SE SUGH CHE BULIVA SORA I FURNEL INFUNGHID DE MIZDE’…

L’ERA BEL STE AD STA ZITA’ CLA ZCURIVA SA TOT E DIALET E LA S’ARCURDEVA ANCORA DI NOST BA SAL MENI GROSI E CRIPEDI, E DAL NOSTI MA SI SU FIENCH LERGH DA CAMPAGNA E DA FIUL , CHE SL’ALMA E S’IOCC PIN AD SPIRENZA, IEVA TRAT SO TOT QUEL CU IERA ADES DRI DE MER, SA CLA SABIA SALEDA E LUSENTA CUME’ L’OR DI PURET, E SE CAURBUR CHE BULIVA AT CAL POZI BIANCHI CUME’ E LAT AD MUNGHENA PER DVANTE’ CALCE …

TRA L’UDOR DI MI PENSIER A CURIVA SLA TESTA SVUIDA DREINTA E MI COR, CU S’IMPINIVA AD MUMINT CHE PIEN PIEN A CIAPEVA TI MI POGN, CUME’ CHE I FOSS DAL LOZLI TE SCUR DNA NOTA SVUIDA, CLAM BRUSEVA DREINTA. UNA DOP CL’ELTA STAL LOZLINI, LIM FASIVA VEDA SA CLA LUCE FIACA E TEVDA, TOT LA MI VITA D’IR CUME’ T’UN SPECC MACED DALA MOFA SPARGUIEDA SOTA CHE VIDRI LESS CUME’ E MER CHE U S’ARPUNSEVA STRACH, ADLA’ AD AL DUNI INFILZEDI DA I TAMARISGH FIURID…

UM PAREVA D’ES CHISA’ PERCHE’, CUME’ T’NA DISTESA D’ORT, E ME BURDEL SLA SFROMBLA TAL BASCOZI PINI AD GIOTLI, A CAMINEVA CUNTENT TRA CL’UDOR FORT DLA ZVOLA E DI RADISEIN ROSS CUME’ UN FUGH AD SANJUSEF; LA MI TISTULINA NIRA LA FISCEVA SOTA CHE BRET ARVOLT D’INSO’, E D’OGNI TENT AM FARMEVA PER SANTI’ E CHENT AD CHI CIUFET AD PIOMI CH’ IS CIAMEVA SVARZLEIN, CHI FRULEVA A GL’ELI ZALTINI SORA CHI FILER SPARGUID DAL VIDI AD MUSCATEL , E PIO’ INLA’ A TLA POZA AL RAGANELI VIRDI CUME’ I BACEL DI BSAREL, LIS GUNFIEVA CHE PAREVA CAL SCUPIAS DA UN MUMENT A CL’ELT …

ILE’ AT CLA MULIGA AD MOND, CHE US TINZEVA D’OGNI CULOR CHE LA FANTASIA D’UN BURDEL E PO AVE’, ILE’ AT CLA SCAJA , AT CHE SCHEMPUL AD VITA, ME, E SNO’ ME , DREINTA E FURA, AVEVA MADOS UN VISTIDIN PULID E PROFUMED CHE US CIAMEVA CUNTANTEZA. U N’ERA UN INSOGNI A SO SICUR, PERCHE’ LA CUNTANTEZA L’AN S’INSOGNA, MA L’E’ UNA ROBA CLA T’NASS DREINTA E CUME’ NA RADISA AD GRAMEGNA, LA CRESS E LA SI SLERGA, E PO LAT IMPINES LA TESTA, E COR, E TOT LA VITA: ANCHE QUANT S’IANN AMUCID SLA GROPA, TE T’GUARDARE’ D’INDRI’ PER CAPI’ CHE T’CIR TE E SNO TE, QUEL CHE ADES L’HA ANCORA DREINTA SE, TENTA TENTA VOIA AD VIV…
Dedicata a Guido , Marcella e Piero
Luciano Monti 26 maggio 2015

“ CONTENTEZZA “
UNA BUCCIA DI LUNA SOTTILE SOTTILE E BIANCHICCIA SI DONDOLAVA SOPRA IL CAMPANILE SI SAN GIOVANNI. TUTTO INTORNO UN VOLO DI RONDINELLE CHE PAREVANO GIOCARE CON QUELL’UNGHIA D’ARGENTO, CONTENTE STRIDEVANO TRA LORO PER DIRSI, CHE ERA BELLO STARE IN QUESTO MONDO, POI DOPO, RIVOLTAVANO LE ALI NEI LORO MOVIMENTI, PRENDENDO IL COLORE DELLA FULIGGINE VERSO IL SOLE DI MAGGIO, E INGOIANDO QUEI MOSCERINI FITTI COME UNA TELA SUL TELAIO DELLE NOSTRE NONNE, SI NASCONDEVANO DIETRO LE CASE BASSE CON IL SUGO CHE BOLLIVA SOPRA I FORNELLI AFFUMICATI DEL MEZZOGIORNO.

ERA BELLO STARE IN QUESTA CITTA’ CHE PARLAVA CON TUTTI IL DIALETTO E SI RICORDAVA ANCORA DEI NOSTRTI PADRI CON LE MANI GROSSE E CREPATE, E DELLE NOSTRE MADRI DAI FIANCHI LARGHI DA CAMPAGNA E DA FIGLI , CHE CON L’ANIMA E GLI OCCHI PIENI DI SPERANZA, AVEVANO TIRATO SU TUTTO QUELLO CHE C’ERA ADESSO DIETRO AL MARE, CON QUELLA SABBIA SALATA E LUCENTE COME L’ORO DEI POVERETTI, E CON IL CARBURO CHE BOLLIVA NELLE POZZE BIANCHE COME IL LATTE DI MUCCA, PER DIVENTARE CALCE…

TRA L’ODORE DEI MIEI PENSIERI, IO CORREVO CON LA TESTA VUOTA DENTRO IL MIO CUORE, CHE SI RIEMPIVA DI MOMENTI, CHE PIAN PIANO PRENDEVO NEI MIEI PUGNI, COME FOSSERO LUCCIOLE NELL’OSCURITA’ DELLA NOTTE VUOTA, CHE MI BRUCIAVA DENTRO. UNA DOPO L’ALTRA QUESTE MINUSCOLE LUCCIOLINE, MI FACEVANO VEDERE CON QUELLA LORO LUCE FIOCA E TIEPIDA, TUTTA LA MIA VITA DI IERI, COME IN UN SPECCHIO MACCHIATO DALLA MUFFA SPARSA SOTTO QUEL VETRO LISCIO, COME IL MARE CHE SI RIPOSAVA STANCO ALDILA’ DELLE DUNE TRAFITTE DALLE TAMETICI IN FIORE…

MI SEMBRAVA DI ESSERE CHISSA’ PERCHE’, COME IN UNA DISTESA DI ORTI, IO BAMBINO CON LA FIONDA NELLE TASCHE PIENE DI CIOTTOLI, CAMMINAVO CONTENTO IN MEZZO ALL’ODORE FORTE DELLA CIPOLLA E DEI RAVANELLI ROSSI COME UN FUOCO DI SAN GIUSEPPE; LA MIA TESTOLINA NERA FISCHIAVA SOTTO QUEL BERRETTO RIVOLTO ALL’INSU’, E OGNI TANTO MI FERMAVO PER ASCOLTARE IL CANTO DI QUEI CIUFFETTI DI PIUME CHE SI CHIAMAVANO VERZELLINI, CHE FRULLAVANO LE ALI GIALLINE SOPRA QUEI FILARI SPARSI DELLE VITI DI MOSCATELLO, E PIU’ IN LA’ NELLA POZZA LE RAGANELLE VERDI COME BACCELLI DI PISELLI, SI GONFIAVANO TANTO, CHE PAREVA SCOPPIASSERO DA UN MOMENTO ALL’ALTRO…

LI’ IN QUEL BRICIOLO DI MONDO, CHE SI TINGEVA D’OGNI COLORE CHE LA FANTASIA DI UN BIMBO PUO’ AVERE, LI’ IN QUELLA SCAGLIA, IN QUELLO SCAMPOLO DI VITA, IO, E SOLO IO, DENTRO E FUORI, AVEVO ADDOSSO UN VESTITINO PULITO E PROFUMATO CHE SI CHIAMAVA CONTENTEZZA. NON ERA UN SOGNO, NE SONO SICURO, PERCHE’ LA CONTENTEZZA NON SI SOGNA, MA E’ UNA COSA CHE TI NASCE DENTRO, E COME UNA RADICE DI GRAMIGNA, CRESCE E SI ALLARGA, E POI TI RIEMPIE LA TESTA , IL CUORE, E TUTTA LA VITA: ANCHE QUANDO CON GLI ANNI AMMUCCHIATI SOPRA LA GROPPA, TU GUARDERAI DIETRO PER CAPIRE SE ERI TU E SOLTANTO TU, QUELLO CHE ADESSO HA ANCORA DENTRO SE, TANTA TANTA VOGLIA DI VIVERE…
Dedicata a Guido , Marcella e Piero
Luciano Monti 26 maggio 2015

 

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti:

Notizie ed Eventi in Romagna

Laura Pausini in Tour a Rimini

Laura Pausini, sposa novella, annuncia le tanto richieste date internazionali con l’apertura del suo tour 2023/24 proprio nella nostra Rimini. Dopo l’anteprima estiva, la data

LEGGI TUTTO »
Dialetto e tradizioni

Mércul trèg Agöst

Mércul trèg Agöst. (Mercoledì 13 Agosto.) ————- La curèina la ha la bròca ma la schèina!. (Il garbino ha la brocca(dell’acqua) alla schiena!.)… ————- Iè

LEGGI TUTTO »
E-book - libri gratis su Rimini e Romagna

Ebook Libri e Scritti

Arriva il libro elettronico con la raccolta delle più simpatiche barzellette romagnole, i modi di dire e le poesie romagnole! In questo libro trovi anche il

LEGGI TUTTO »
Torna su
Zer0100