Fiocchetti di Carnevale

Booking.com
Ricerca aziende, ristoranti, professioni e spiagge in Romagna

Questo tradizionale dolce, tipico della festa più colorata dell’anno, è conosciuto a livello nazionale anche come frappe, chiacchiere o bugie. Tuttavia i romagnoli usano un solo nome: fiocchetti.

Chi non ha mai assaggiato questa prelibatezza, fritta e croccante? Un qualcosa di semplice, che mette d’accordo grandi e piccoli sin dai tempi antichi. Si pensi che i fiocchetti ebbero origine nell’antica Roma, e da lì si diffusero in tutto il mondo. Inizialmente conosciuti come frictilia, si ottenevano da un composto di farina e uova, fritto successivamente nel grasso di maiale. Questa tradizione è sopravvissuta fino ad oggi, seppur con qualche modifica, dovuta per lo più al cambio di regione e all’avvento del salutismo generale, che mal vede il coinvolgimento d’ingredienti colmi di grassi. Ma passiamo alla Realizzazione.

 

 

Prepara l’impasto con la farina, l’uovo, la vanillina, la scorza del limone e fai riposare mezz’ora (coperto con pellicola trasparente). Con il mattarello tira la pasta molto sottile, taglia dei rettangoli di circa 8×4 cm. poi, aiutandoti con le mani, realizza i fiocchetti.

 

fiocchetti-di-carnevale-cottura

 

In una pentola a bordi alti fai bollire l’olio, aggiungi, uno per volta, i fiocchetti, cuoci pochi minuti, scola su carta da cucina, fai raffreddare e spolvera con zucchero a velo. Metti su un piatto di portata e servi in tavola.

Buon appetito…

Ugo Picia

 

Booking.com
Booking.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti:

Scopri Rimini e la Romagna

Amintore Galli

Nato a Talamello nel 1845, Amintore Galli fu un celebre compositore, nonché insegnante, critico e organizzatore musicale. Avviato allo studio della musica dallo zio e

LEGGI TUTTO »
Dialetto e tradizioni

La chèsa – La casa

Una mia vecchia poesia dei tempi delle medie. La chèsa: U’iè na chèsa sora è mont lasèda mi rugh e m’al gl’urtìghe, ‘ndò che règna

LEGGI TUTTO »
Torna su
Ghinelli tende